1

Shoah dell’arte, l’iniziativa dei musei nel Giorno della Memoria

Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria: per commemorare le vittime dell’Olocausto, molti musei italiani hanno aderito all’iniziativa Shoah dell’arte, organizzata da ECAD – Ebraismo Culture Arti Drammatiche, con il patrocinio del MiBACT. Il Museo d’Arte di Palazzo Gavotti è tra i partecipanti, in un gruppo che conta a oggi 32 istituzioni culturali, un buon numero delle quali in terra ligure. Obiettivo della manifestazione: esporre ed evidenziare opere riferibili alla Shoah, perché, ad esempio, di autori colpiti dalle leggi razziali o perseguitati politicamente oppure perché storicamente appartenenti a uno dei movimenti artistici qualificati dal nazismo come “Arte Degenerata”.

Al Museo d’Arte di Palazzo Gavotti in programma due aperture gratuite nei giorni 27 e 31 gennaio e un focus su alcune opere di grande forza e bellezza.

Luzzati

Dal Museo della Ceramica il grande Vaso decorato con una parata di personaggi in costume, realizzato da Emanuele Luzzati, grande artista e scenografo nato a Genova da famiglia ebraica, che nel 1940 a causa delle leggi razziali è costretto ad abbandonare la sua città, dove potrà rientrare solo nel 1947 alla fine della guerra.

Nella Pinacoteca Civica è esposto Ulivi, realizzato da Carlo Levi, pittore e scrittore italiano tra i più significativi del Novecento, qui rappresentato da un’opera caratterizzata da un linguaggio pittorico vigoroso, riconoscibile per il sobrio realismo e per una  pennellata materica.

Nell’ambito della Collezione Milani/Cardazzo l’accento è posto su La jumelle, opera del 1939 di Man Ray, uno dei principali intepreti del Dadaismo e del Surrealismo, movimenti che insieme a Espressionismo e Avanguardie vengono messi al bando quali esempi di “Arte degenerata” a partire dal 1933, con la salita al potere del partito nazionalsocialista in Germania.

A Savona anche il Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo rientra nel circuito Shoah dell’arte, in quanto testimonianza della vita e dell’amore per l’arte di Sandro Pertini, uno dei massimi esponenti dell’antifascismo e della Resistenza, protagonista degli eventi che portarono alla liberazione dal nazifascismo.

Dal Friuli alla Sicilia, gli altri musei che ad oggi hanno aderito saranno presto disponibili online.

Social network

Segui il Museo della Ceramica sui social network:

Pagina Facebook del Museo della Ceramica di SavonaProfilo Twitter del Museo della Ceramica di SavonaProfilo Instagram del Museo della Ceramica di Savona

Orari

lunedì, martedì 

chiuso

 

mercoledì

10.00 – 13.30

 

giovedì, venerdì, sabato

10.00 – 13.30 / 15.30 – 18.30

 

domenica e festivi

10.00 – 13.30